Club Federato ASI n.80  I.M.C. -  Iscrizione di auto e moto d'epoca storiche per Roma e Lazio

Presidente onorario club : Dott. Paolo Curti -  Presidente club : Cav. Mario Bardelli  - sede legale: Via privata Nepi 13 - 00191 Roma-  C.F. club : 97551650589

sede tecnica per certificazioni: Viale Tor di Quinto 35/N - 00191 Roma (interno Assistenza Jaguar) - mail: asiclub80@gmail.com -  mobile:  3334410084

si prega chiamare dalle ore 9.00 alle ore 18.00 dei giorni feriali

WWW.MILLERUOTECLUB.IT

REVISIONI  AUTO - MOTO -  MINICAR - CICLOMOTORI

-  

CENTRO REVISIONI MOT.CIVILE RMAA001

Viale Tor di Quinto 35/N a Roma Nord  Tel.  063333271  (m.200 da Ponte Milvio)

DOMANDE  E  RISPOSTE

COME AVVIENE L'ISCRIZIONE ?

Si deve portare il veicolo nella nostra sede tecnica (presso la Jaguar in Viale Tor di Quinto 35/N a Roma) insieme alla carta di circolazione , il certificato di proprietà / foglio complementare ed un documento del Proprietario.  Il Commissario Tecnico esaminerà il veicolo che dovrà essere costruito da almeno 20 anni (Farà fede la data di prima immatricolazione a prescindere dal mese) lo stato di originalità e la conservazione del veicolo.

 ( chiama Mario Bardelli 3334410084 dalle ore 9.00 alle ore 18.00 dei giorni feriali)


QUALE CERTIFICATO RICHIEDO ?

  • Certificato di rilevanza storica e collezionistica.  Questo nuovo documento sostituisce il "certificato delle caratteristiche tecniche". Viene richiesto, ai sensi del D.M. 17/12/2009, per reimmatricolare i veicoli storici e consente anche la circolazione su strada ai veicoli con dispositivi non omologati, ultimamente è anche il documento richiesto da diverse compagnie assicuratrici (Sai, Milano, Allianz) come requisito necessario ai fini della polizza assicurativa

Circolare esplicativa dell'ASI sui certificati clicca le icone per ingrandire


QUALI DOCUMENTI OCCORRONO PER OTTENERE IL CRS ?

Il certificato di rilevanza storica e collezionistica per comodità abbreviato in CRS  si divide in veicoli circolanti (immatricolati e circolanti in Italia) e non circolanti (provenienti dall'estero o radiati/demoliti  in Italia)

VEICOLI CIRCOLANTI

  • Foto -

  • Libretto (carta) di circolazione -

  •  CDP e/o foglio complementare -

  •  dichiarazione di vendita autenticata dal notaio o dal comune se non c'è corrispondenza tra il richiedente e la carta di circolazione

  • documento del proprietario

VEICOLI NON CIRCOLANTI


DOPO QUANTO TEMPO IL MIO VEICOLO E' ISCRITTO ?

Dall'invio della pratica on line alla sede centrale ASI a Torino ed il ritorno passano mediamente 30/60 giorni (i tempi sono indicativi e non vincolanti per il Club e per l'ASI) -


COSTI ANNI SUCCESSIVI INERENTI IL SOCIO

Il proprietario del veicolo deve essere socio ASI per poter fare la domanda di  iscrizione nel registro auto e moto storico . La qualifica di socio ASI si ottiene attraverso l'iscrizione in uno dei numerosi Club ASI federati presenti in tutta Italia, la qualifica di Socio si mantiene da gennaio a dicembre per cui se l'iscrizione viene fatta il 30 dicembre, il 31 dicembre successivo perderà la qualifica di socio. Il nostro Club federato ASI non obbliga il proprio socio ai rinnovi successivi, per decadere dalla qualifica di socio basta non pagare il rinnovo dell'anno successivo.


QUANTO DURA L'ISCRIZIONE DEL VEICOLO ?

Una volta che il veicolo viene iscritto nel registro rimane iscritto a vita, in caso di vendita il veicolo continua ad essere iscritto ASI.


SE VENDO IL VEICOLO ISCRITTO ASI CHE DEVO FARE ?

Il proprietario o il nuovo acquirente deve darne comunicazione all'ASI (Automotoclub storico italiano) per la variazione di proprietà tramite il proprio Club, per farlo si deve avere la qualifica di socio e basterà conservare insieme con la tessera originale la comunicazione di variazione, per il Certificato di rilevanza storica e collezionistica non è prevista la ristampa col nome del nuovo proprietario.


COSA DICE E COSA CAMBIA  LA LEGGE DI STABILITA' 2015 SUI VEICOLI STORICI ?

La legge di stabilità 2015, approvata dal Parlamento Italiano in data 23 dicembre 2014 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29/12/2014, all’art. 1, comma 666 della legge n. 190/2014, ha disposto modifiche dell’art. 63 della legge 342/2000.
A partire dal periodo d’imposta decorrente dal 1 Gennaio 2015, tutti i veicoli (autoveicoli e motoveicoli) compresi tra i 20 e i 29 anni sono assoggettati alla normale tassa automobilistica regionale di possesso istituita con DPR. n. 39/1953 e disciplinata dalla legge n. 53/1983.
I veicoli ultratrentennali (dai 30 anni in su), esclusi quelli utilizzati ad uso professionale, continuano ad essere assoggettati, in caso di utilizzazione su pubblica strada, ad una tassa di circolazione forfettaria annuale di €. 28,40 per gli autoveicoli e €. 11,36 per i motoveicoli (importi rideterminati ai sensi dell’art. 5 comma 1 della L.R. n.19/2011).
TERMINI DI PAGAMENTO
Dal 01 gennaio 2015, le date di scadenza dei pagamenti dei veicoli che fino al 31/12/2014 erano riconosciuti di particolare interesse storico e collezionistico e, quindi, soggetti alla tassa di circolazione forfettaria annuale, e che sono compresi ancora tra i 20 e i 29 anni, per l’anno tributario 2015 e seguenti sono:
a) per le autovetture e per gli autoveicoli per il trasporto promiscuo con potenza effettiva superiore a 35 KW o a 47 CV (o con potenza fiscale superiore a 9 cavalli se immatricolati fino al 31 dicembre 1997):
 Per l’anno tributario 2015, la tassa automobilistica va pagata in unica soluzione, entro il 02 febbraio 2015 per il periodo fisso annuale gennaio – dicembre 2015. Negli anni futuri e fino al compimento del 29° anno compreso, il periodo fisso sarà sempre gennaio – dicembre di ogni anno;
b) per gli stessi autoveicoli di cui alla precedente lettera a), con potenza effettiva fino a 35 KW o a 47 CV ( o con potenza fiscale fino a 9 cavalli se immatricolati fino al 31 dicembre 1997) e per tutti i motoveicoli con le seguenti modalità:
Per l’anno tributario 2015, la tassa automobilistica va pagata in due soluzioni, al fine di “incardinare” il pagamento per i successivi anni tributari, in un’unica periodicità annuale agosto X – luglio X+1:
1) Primo pagamento: Gennaio – luglio 2015, da effettuarsi entro il 02 febbraio 2015;
2) Secondo pagamento: agosto 2015 – luglio 2016, da effettuarsi entro il 31/08/2015 (negli anni futuri, la periodicità sarà sempre agosto - luglio).
Al compimento del 30° anno, si applica la tassa di circolazione forfettaria annuale, come sopra specificato.
TESTO VIGENTE DELL’ART. 63 DELLA LEGGE 342/2000
Si riporta, di seguito, il comma 666 dell’art. 1 della Legge n. 190 del 23 dicembre 2014:
All'articolo 63 della legge 21 novembre 2000, n. 342, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 1,l'ultimo periodo è soppresso; b) i commi 2 e 3 sono abrogati; c) al comma 4, le parole: «I veicoli di cui ai commi 1 e 2» sono sostituite dalle seguenti: «I veicoli di cui al comma 1».
In base alle citate modifiche, l’attuale testo dell’art. 63 della legge 342/2000 è il seguente:
LEGGE 21 novembre 2000, n. 342
Misure in materia fiscale. (GU n.276 del 25-11-2000 - Suppl. Ordinario n. 194 )
Sezione II Norme in materia di altre imposte indirette
Art. 63.
(Tasse automobilistiche per particolari categorie di veicoli)
1. Sono esentati dal pagamento delle tasse automobilistiche i veicoli ed i motoveicoli, esclusi quelli adibiti ad uso professionale, a decorrere dall'anno in cui si compie il trentesimo anno dalla loro costruzione. Salvo prova contraria, i veicoli di cui al primo periodo si considerano costruiti nell'anno di prima immatricolazione in Italia o in altro Stato.
2. (comma abrogato);
3. (comma abrogato); 

4. I veicoli di cui al comma 1 sono assoggettati, in caso di utilizzazione sulla pubblica strada, ad una tassa di circolazione forfettaria annua di lire 50.000 per gli autoveicoli e di lire 20.000 per i motoveicoli. Per la liquidazione, la riscossione e l'accertamento della predetta tassa, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni che disciplinano la tassa automobilistica, di cui al testo unico delle leggi sulle tasse automobilistiche, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 5 febbraio 1953, n. 39, e successive modificazioni. Per i predetti veicoli l'imposta provinciale di trascrizione è fissata in lire 100.000 per gli autoveicoli ed in lire 50.000 per i motoveicoli
 


I VEICOLI STORICI  (auto e moto d'epoca) COMPRESI TRA VENTI E VENTINOVE ANNI QUANTO PAGHERANNO DAL 2016 NELLA REGIONE LAZIO?

A norma della delibera n°706 del 9 dicembre 2015 della Regione Lazio , avranno diritto ad uno sconto del 10% dal 1° gennaio 2016.



SE MI CHIEDONO BOLLI ARRETRATI CHE DEVO FARE ?

Alcuni soci hanno ricevuto richieste di pagamento bolli arretrati per il periodo in cui erano già iscritti nel registro Storico, in questi casi basta seguire le indicazioni riportate nelle lettere di avviso. Oppure scaricare il modulo da questo sito e seguire la procedura indicata.

modulo richiesta esenzione bollo Regione Lazio per veicolo storici da 20 a 30 anni


PER LA RESTITUZIONE DEL BOLLO CHE DEVO FARE ?

Partendo dal presupposto che l'Attestato di datazione e storicità ASI è retroattivo al 1° gennaio dell'anno in cui si iscrive il veicolo al registro ASI e se si è pagato il bollo per quell'anno in cui si ottiene l'Attestato ASI, si potrà richiedere la restituzione del bollo alla Regione Lazio compilando e seguendo le indicazioni del modulo scaricabile.

Domanda rimborso tassa automobilistica regione Lazio


Una vettura con l’impianto a gas può essere iscritta all’ASI ?

I veicoli con impianto di alimentazione secondaria, quali GPL o Metano, possono essere iscritti e ottenere il CRS ai fini della circolazione. Per ottenere, il Certificato di Identità e/o il CRS ai fini della re immatricolazione invece, l’impianto deve essere storicizzato e dunque avere compiuto almeno 10 anni (come da Regolamento della CTN Auto).


Come si puo’ effettuare il cambio del nominativo sull' ADS certificato di datazione e storicita’intestato al vecchio proprietario?

Per poter effettuare l’aggiornamento e la ristampa dell’Attestato di Datazione e Storicità occorre restituire, attraverso il Club di appartenenza, l’originale del precedente documento e fornire contestualmente la copia della carta di circolazione aggiornata, per la verifica della proprietà.


Si può cambiare il nominativo sul CRS  Certificato di rilivanza storica e collezionistica?

No, il CRS una volta emesso non può essere aggiornato col nome dell'eventuale nuovo proprietario, circolare 17/2013 dell' ASI.


Ogni quanti anni si revisiona un veicolo storico?

Ogni 2 anni, come stabilito dal nuovo Decreto Ministeriale e dalla nuova Circolare del Ministero dei Trasporti e non affidare la tua amata autostorica al primo arrivato....vieni al nostro Centro Revisioni Auto e moto convenzionato con il nostro Club  in Viale Tor di Quinto 35/n a Roma.  


Se il mio veicolo è iscritto all’ASI, ho l’obbligo dell’installazione delle cinture di sicurezza?

La circolare n.B53/2000/MOT, emanata dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione conferma che “l’obbligo dell’installazione delle cinture di sicurezza ricorre, sia per i posti anteriori che per quelli posteriori, per tutti i veicoli della categoria M1 che, immatricolati a far data dal 15 giugno 1976, siano predisposti sin dall’origine con specifici punti di attacco.”
I veicoli immatricolati prima del 15 giugno 1976, saranno tenuti a montare le cinture solo se predisposti in origine dei punti di attacco.


Come si ottiene il duplicato dell'ADS e del CRS?

Per l'ADS o Attestato di datazione e storicità serve una autodichiarazione di smarrimento firmata e con allegato copia del documento personale, per il CRS o Certificato di rilevanza storica e collezionistica occorre una denuncia di smarrimento fatta all'Autorità giudiziaria (Polizia Carabinieri). Il costo per il duplicato è di 10 euro.


 ASSISTENZA & RICAMBI AUTORIZZATI JAGUAR a ROMA dal 1957


  tutte le Jaguar anni 50/60/70/80 

Contatore sito

SEZIONE FOTO

FOTO PER C.R.S. AUTO

5 FOTO PER AUTO CHIUSE .

 7 FOTO PER AUTO CON CAPOTE O HARD TOP le 2 in più sono per la ripetizione delle 2 foto intere  con capotte chiusa e poi aperta .

le foto dovranno essere perfettamente uguali nell'inquadratura a queste fornite come esempio

Il nostro Club usa la procedura di iscrizione on line per cui non ci servono le stampe ma solo i file in formato jpeg di risoluzione non inferiore a 800x1000 pixel

FOTO PER  C.R.S.  MOTO

 

 

 

 

 

la terza e quarta foto sono del numero telaio punzonato e del numero motore sul monoblocco motore

Dove trovo il numero di telaio punzonato (inciso) sulla carrozzeria ?

La foto inerente al telaio punzonato è la foto che crea più difficoltà, il telaio punzonato è composto da 17 caratteri alfa numerici inciso quasi sempre sul lato destro (lato passeggero) del veicolo sulla scocca, in genere si trova nel vano motore o sul telaio (nei fuoristrada) dietro alle ruote dal lato del passeggero , nel montante del vano porta passeggero , nel baule posteriore , davanti o di lato al sedile del passeggero anteriore. Generalmente è sempre indicato nel libretto uso e manutenzione in dotazione. ATTENZIONE!! il numero di telaio inciso o scritto sulla targhettina di alluminio attaccata con rivetti o altro fissaggio alla carrozzeria non è il telaio punzonato da fotografare.

Come e cosa devo inquadrare con la fotocamera ?

  •  : paraurti anteriore e lato del passegero (lato dx) con targa leggibile (per le spyder le foto dovranno essere con capote chiusa e poi ripetere con capote aperta o hard top tolto)

  •  : paraurti posteriore e lato del guidatore (lato sx) con targa leggibile (per le spyder le foto dovranno essere con capote chiusa e poi ripetere con capote aperta o hard top tolto)

  •  : aprire la porta del passeggero ed inquadrare i due sedili anteriori ed il cruscotto

  •  : aprire il cofano motore ed inquadrare dall'alto il vano motore

  • : usare la camera in modalità macro o il più vicino possibile per la foto del numero di telaio inciso/punzonato sulla carrozzeria affichè risulti leggibile.

NORMATIVE

Il  Decreto Berselli per Auto e Moto storiche

Circolare esplicativa prot. N° 79260 del  4 Ottobre 2010 sul Decreto Berselli

Delibera di Giunta Comune Roma n°2421 del 19 luglio 2011

circolare Comune Roma 8 Novembre 2012 prot. 76596 per le moto storiche

NEL COMUNE DI ROMA dall'8 Novembre 2012 tutti i veicoli a 2 ruote "Storici" iscritti ASI o FMI euro "0" possono circolare all'interno dell'anello ferroviario del Comune di Roma. DELIBERA 8/11/2012 prot. 76596  

ASSICURAZIONI PER AUTO E MOTO STORICHE d'EPOCA
  • Gianluca Badiali ( Unipol ) uff. 063908821 mobile 3397223813 Viale Giuseppe Mazzini 145 Roma gianlucabadiali@badifinass.it                                                           
  • Davide Ferzi (Broker assicurazioni) uff. 063295336 mobile 3386985333   Via Orti della Farnesina 36 Roma d.ferzi@aibbrokers.eu
  • Francesco Matano (Fondiaria SAI) Via C. Tenca 11 Roma tel 0689674227 mobile 3382347380 agenzia@inbluservizi.com
  • Marco Rosselli (Helvetia) Viale degli Ammiragli 108 00136 Roma tel 0639744481 fax 0639729412 info@rosellinsurance.it
  • Claudio Michelangeli (Generali Italia) Viale di Trastevere 94 Roma uff.  065818956 mobile 3458203791  claudio.michelangeli@gmail.com
  • GENERTEL assicurazione on line applica il 50% di sconto sulle auto storiche certificate ASI

DOVE SIAMO

(Roma nord a 200 metri da Ponte Milvio all'interno della concessionaria Jaguar Bardelli)

NEWS

PAGAMENTO BOLLO AUTO E MOTO STORICHE  PER IL 2015 SITUAZIONE IN ITALIA:

a seguito del DDL 2015 del governo Renzi per i veicoli storici pubblichiamo la circolare ASI n°14 del 22 Dicembre 2014 ed un estratto della Gazzetta Ufficiale del 29-12-2014 (vedi comma 666)

circolare ASI 14/2014   gazzetta ufficiale 29/12/2014

 "ITALIA DIVISA IN DUE"

REGIONI che mantengono il regime forfettario per le ultraventennali storiche:

LOMBARDIA - VENETO - TOSCANA -  EMILIA ROMAGNA -  BASILICATA - ABRUZZO - PIEMONTE - LIGURIA - UMBRIA - P.A. BOLZANO -

l'Italia divisa in due, con regioni agevolate ed altre penalizzate ,si è ottenuto questo risultato grazie alla legge di stabilità 2015 e di fatto le singole scelte fatte dalle regioni, sulla possibilità di mantenere o meno l'esenzione dal bollo auto per i veicoli classificati di interesse storico omologati tra i 20 ed i 30 anni. Una disparità evidente se si pensa, che una stessa autovettura, ad esempio un grosso Mercedes , di una cilindrata ormai obsoleta, nella maggioranza delle grandi regioni italiane paga circa 30 euro di tassa ridotta, mentre nel Lazio e altre regioni, ne pagherà alcune centinaia di euro. E' in atto una chiara violazione del principio di uguaglianza di cui all’art. 3 Cost., perché il legislatore ha lasciato inalterata la normativa di cui al D.lgs. 30.04.1992 n. 285, che prevede la esistenza di una particolare categoria di veicoli, distinta da tutti gli altri, aventi comunque diritto ad un regime particolare e che in metà delle nostre regioni è riconosciuto e nell'altra metà..NO!  In un momento di crisi economica, infatti, molti dei possessori di auto mantenute soltanto per affezione o per brevi passeggiate o raduni domenicali, a fronte di una reintroduzione del bollo – molto “pesante” viste le cilindrate del passato più grosse delle attuali – opteranno per una rottamazione dei veicoli. Questo, oltre a danneggiare il patrimonio storico costituito da auto e moto “d'altri tempi” - molti delle quali rappresentano veri gioielli del Made in Italy - comporterà una forte penalizzazione dell'indotto, fatta, ad esempio per i soli raduni di autostrade, pernotti, ristoranti, carburante e turismo, nonché per tutto quel settore artigiano che ruota intorno al restauro ed alla conservazione di tali veicoli, come piccole officine, elettrauti, carrozzieri, tappezzieri e ricambisti. La nostra associazione laziale federata ASI Milleruoteclub auspica che anche la Regione Lazio concorra a non mutare una situazione di fatto che da 13 anni ha permesso un comprovato aumento di interesse verso questo settore che da lavoro a tanti bravi Artigiani

 LE  NOSTRE INIZIATIVE NEL LAZIO PER  RIPRISTINARE IL BOLLO FORFETTARIO PER LE AUTO E MOTO ULTRAVENTENNALI : 

  BOLLO AUTOSTICHE

VIDEO E RIVISTE

Quattroruote intervista i fratelli Bardelli "I Signori della Jaguar"

Quattroruote pubblica l'appello di Mario Bardelli "senza più storia"

SKY TG24 intervista Mario Bardelli sui Gas di scarico dei veicoli

 

intervista a Mario Bardelli sull'introduzione dell'EURO 4

canale 230 SKY Nuvolari - Savina Confaloni intervista Mario Bardelli - nuova Jaguar XK contro  Jaguar E Type -

 

Come si parcheggia una Jaguar E Type preparata BARDELLI